Press

Comunicati stampa

Favini per il progetto Voiala in Madagascar: le attività dei primi mesi del 2015, gennaio-marzo

08 Giu
2015

Continuano le attività di rimboschimento iniziate nel dicembre del 2014. Tante le azioni di educazione e sensibilizzazione ambientale, dedicate soprattutto ai bambini.

Favini comunica i risultati raggiunti nel corso del primo trimestre 2015 dal progetto Voiala, votato alla salvaguardia dell’ecosistema del Madagascar.

Voiala, con il quale Favini collabora dal 2009, è un microcosmo di azioni comunitarie locali volte a ricreare e proteggere le risorse naturali pesantemente sfruttate dell’isola africana. L’obiettivo principale è quello di realizzare, attraverso l’esperienza del villaggio di Sahavondronina, situato sull’altopiano a 400 km a sud della capitale, verso la costa orientale, un modello da seguire per le altre collettività, evidenziando i benefici che si possono ottenere dalla terra e dalle sue risorse adottando un comportamento più consapevole e rispettoso.

Il progetto prevede, inoltre, l’insegnamento delle più innovative tecniche di coltivazione biologica che permettono di rispettare l’ecosistema locale e, contestualmente, di migliorare gli standard qualitativi di vita della comunità.

Voiala

Un rapporto trimestrale aggiorna periodicamente tutti i partecipanti sui progressi compiuti dal progetto, dall’avanzamento delle semine e delle piantumazioni, alla gestione degli orti della comunità e alla promozione di prodotti agricoli locali.

Nel primo trimestre 2015 è stata portata avanti con successo la campagna di rimboschimento iniziata nel 2014. I risultati ottenuti sono stati molto soddisfacenti: ad oggi, si possono contare 13.704 nuove piante, che sono state introdotte in 7 differenti zone.

Voiala

Voiala, nel corso del trimestre, ha portato avanti, inoltre, alcuni progetti dedicati alla sensibilizzazione della popolazione locale verso le tematiche ambientali. Nel mese di gennaio, il progetto ha accolto due studenti dell’“Ecole d’Application de Science et Technique Agricole” di Iboaka per uno stage, che ha permesso loro di avvicinarsi al mondo del lavoro e di essere sensibilizzati sulle tematiche del rispetto e della salvaguardia dell’ambiente.

Dal 13 al 15 marzo è stato organizzato un viaggio d’istruzione che ha visto protagonisti 48 bambini e 10 responsabili della scuola pubblica primaria di Ilaka, che hanno potuto visitare il Parco Nazionale di Ranomafana. Inoltre, oltre all’organizzazione di 24 corsi, che coinvolgono 40 studenti della scuola di Aahavondronina e di 180 della scuola di AlakamisyAmbohimaha, da quest’anno il progetto di educazione si è allargato ad un nuovo istituto: la scuola di Mahazengy.

Voiala

Da segnalare, la partecipazione del progetto Voiala alla convention sulla diversità biologica, organizzata dal Ministero dell’Ambiente e delle Foreste.

Dal 2011, il progetto Voiala è partner locale di Slow-Food International per la messa in atto del progetto “10.000 giardini in Africa per Madagascar”. Dal 26 al 28 marzo, si è occupato in modo particolare della formazione dei coordinatori regionali del progetto.

Infine, dal 2013, Voiala, insieme all’associazione Onlus Tetezana, si occupa del progetto SAD, dedicato ai bambini e alla loro formazione. Quest’anno, il progetto ha deciso di farsi carico non solo delle tasse scolastiche,  ma anche di beni di prima necessità, come vestiti e scarpe.

Voiala

“Sostenere concretamente il progetto Voiala rappresenta per Favini un impegno importante, che ci vede in prima linea nella lotta per la salvaguardia ambientale. Oltre ad essere stata la prima azienda Italiana ad adottare gli standard FSC, Favini si distingue per un’attenzione costante alle tematiche ecologiche: in ogni fase produttiva, dall’ideazione dei prodotti alla loro realizzazione, l’azienda cerca di ridurre l’impatto ambientale della propria attività. Da questo costante impegno sono nate alcune rivoluzionarie carte, come Shiro Alga Carta e Crush, che consentono di riutilizzare alghe e residui agroindustriali per la produzione di carta. Uno degli aspetti del progetto Voiala che più apprezziamo è il fatto che supporta non solo la riforestazione, azione “dovuta” considerando l’intenso sfruttamento del territorio, ma anche e soprattutto l’educazione della comunità locale”, dichiara Andrea Nappa, AD di Favini.

Il portale internet di Favini  include una sezione dedicata al Progetto Voiala (www.favini.com/ambiente/voiala/progetto-voiala/), dove, oltre a una descrizione dettagliata del progetto, si possono trovare tutti gli aggiornamenti sull’avanzamento dei lavori.


Condividi questa notizia

Comunicati stampa più recenti