Blog

News

Posterheroes 2020: i vincitori di “Humans at work”

26 Mag
2020

Pubblicato in Arte, Concorsi

Gli organizzatori del concorso – l’Associazione PLUG e FAVINIsvelano i 40 poster selezionati dalla giuria internazionale, che, valutando la creatività, le competenze tecniche dei partecipanti e la coerenza con il tema di quest’anno degli elaborati, ha scelto i manifesti che saranno oggetto di mostre, eventi e produzioni editoriali.

Tra i 40 autori, gli organizzatori hanno selezionato il primo classificato, che riceverà anche un premio in denaro di 2.500€: si tratta di Davide Falzone, che ha realizzato il poster dal titolo “Does this still work?”.

Does this still work” è il poster di Davide Falzone vincitore del concorso Posterhereoes “Humans at work”. Forced labor, modern slavery and trafficking in human beings are still a daily reality. People are not automate, nor work tools.

Durante questa edizione di Posterheroes, sono stati ricevuti 3.500 poster provenienti da 117 Paesi del mondo, decretando così il record di numeri rispetto a tutte le edizioni svoltesi dal 2010 – anno di inizio del concorso – sino ad adesso.

Lo smart working, il lavoro freelance, la lotta alle discriminazioni in ambiente lavorativo, sono alcuni dei temi che Posterheroes: Humans at work ha proposto per il dibattito di quest’anno, invitando la comunità creativa globale ad una riflessione sugli scenari futuri del mondo del lavoro e sul ruolo di un’occupazione dignitosa nella vita delle persone e nello sviluppo sostenibile della società.

Scopri di più sul brief del concorso, il tema del “Decent work” e l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile dell’ONU nell’articolo Il concorso Posterheroes “Humans at work”.

I temi del contest, le cui tempistiche si sono estese ai giorni dell’emergenza sanitaria globale relativa al Covid-19, sono diventati ancora più cruciali e hanno spinto gli organizzatori ad estendere la deadline per consentire a tutti di partecipare e soprattutto per riflettere sulle ripercussioni globali osservate sul mondo del lavoro.

Clicca qui per scoprire tutti i 40 poster selezionati nell’edizione “Humans at work” del concorso Posterheroes.

A proposito delle conseguenze delle misure di contenimento del contagio del coronavirus, tra le iniziative di comunicazione intraprese, il contest ha lanciato la campagna social #heroesfromthecouch: una rubrica quotidiana grazie alla quale il canale Instagram di Posterheroes è diventato la vetrina per contributi visual di illustratori e graphic designer provenienti da tutto il mondo per aiutare a diffondere i messaggi “stay home”, “stay safe” e “keep social distancing” durante il periodo della quarantena: ironia, poesia visuale ed escamotage grafici per sentirci vicini durante il lockdown.

Alcuni dei post di artisti e designer che hanno partecipato alla campagna #heroesfromthecouch su Instagram durante il periodo di lockdown.

Oltre ai contributi ricevuti dai partecipanti, l’iniziativa ha nominato alcuni “ambassador” tra gli artisti professionisti – Nicolò Canova, Cecilia Campironi, Ilaria Urbinati, Luca D’Urbino, Cheap Festival, Sebastian Koenig e Francesca Pignataro – presenti nel proprio network che hanno realizzato dei poster fuori concorso sul tema collaterale del futuro del lavoro dei creativi, evidenziando le proprie aspirazioni, le responsabilità di chi lavora nel campo della comunicazione e il ruolo sociale del graphic designer.

Il concorso sostenuto da Favini, promuove da sempre il graphic design e l’illustrazione quali mezzi espressivi a servizio della comunità, in grado di amplificare le potenzialità dei messaggi e stimolare un dibattito costruttivo in relazione ai temi di rilevanza internazionale che hanno un impatto sugli scenari futuri. In questi anni infatti le tematiche del contest hanno spaziato dal futuro delle energie all’integrazione, passando per le implicazioni del cibo e il diritto ad amare.

In questo periodo di cambiamenti socio-politici che superano i confini nazionali, gli organizzatori hanno ritenuto molto utile poter proporre un confronto aperto e consapevole sulle possibili modalità di lavoro e di formazione che comprendesse sia gli strumenti, sia i nuovi paradigmi.

Attendiamo ora che il consueto calendario artistico con le opere selezionate stampate su carta Favini prenda forma!

Condividi questa notizia
Articoli più recenti