Blog

News

Crush Favini per i pack ecologici di Alberto Marchetti

05 Mag
2020

Pubblicato in Specialità Grafiche

Con l’arrivo della bella stagione pensiamo ai freschi gelati che ci mangeremo e chi di noi non si è gustato una bella fetta di pane addolcita con una crema spalmabile in quest’ultimo periodo passato in casa?

Dai laboratori delle gelaterie Alberto Marchetti nascono dolcissime golosità che ci fanno venire l’acquolina in bocca. E se sono sostenibili, oltre che buone, ci piacciono ancora di più.

Alberto Marchetti pone particolare interesse agli ingredienti: sia per gelati e creme spalmabili che produce, che per le loro confezioni, le materie prime vengono selezionate con cura e con attenzione alla sostenibilità, come nel caso delle confezioni realizzate con la carta ecologica Crush Mais di Favini per le creme Zabà e Cremà.

Alberto Marchetti: qualità e sostenibilità

L’azienda Alberto Marchetti è una tradizione di famiglia, il padre di Alberto aveva la sua cremeria a Nichelino, vicino a Torino.

“Se cresci così, il gelato lo ami. Ed è un amore che vuoi trasmettere, facendo le cose bene. A me il gelato piace semplice, con pochi ingredienti, buoni.” La passione per il gelato di Alberto Marchetti traspare dalle sue parole e dalla cura nella ricerca delle materie prime d’eccellenza.  “Uso solo materie prime che vado a trovare personalmente girando per l’Italia, attingendo in particolar modo al tesoro dei Presidi di Slow Food. Vado sempre nei campi, nei laboratori, per vedere con i miei occhi dove crescono i frutti, dove vengono realizzati i prodotti.” [1]

Dai gelati dei punti vendita presenti in diverse città del nord Italia, Alberto Marchetti ha ampliato la sua offerta e ha recentemente lanciato la linea di prodotti del brand Casa Marchetti esordendo con la crema spalmabile Cremà alla nocciola Piemonte IGP, il cui packaging è realizzato con la carta ecologica Favini Crush ricavata dagli scarti del mais. [2]

Cremà è realizzata con latte 100% piemontese e il 40% di nocciole di Piemonte IGP, questa crema spalmabile è racchiusa nelle confezioni realizzate con la carta ecologica Crush Mais di Favini.

L’attenzione di Alberto Marchetti, infatti, oltre a essere orientata alla selezione dei migliori ingredienti per i suoi prodotti, è rivolta anche alla ricerca di soluzioni sostenibili: i packaging di Cremà e Zabà sono realizzati con la carta Crush Mais di Favini prodotta dal riuso creativo di sottoprodotti di lavorazione del mais.

L’immagine coordinata è stata realizzata da Curve Studio partner del Master Eco Packaging Design del Politecnico di Torino.

Zabà, la crema allo zabaione di Alberto Marchetti, è racchiusa in un packaging sostenibile realizzato con la carta ecologica Crush Mais di Favini.

Crush Mais, la carta ecologica di Favini per le confezioni golose di Alberto Marchetti

Alberto Marchetti, per il packaging delle creme spalmabili, ha scelto di rivolgersi a Favini e scegliere una carta ecosostenibile e prodotta in Italia.

In Favini da anni abbiamo scelto di percorrere la strada della sostenibilità e di produrre la carta in modo rispettoso dell’ambiente e seguendo i principi dell’economia circolare. Ne sono esempi concreti le linee di carte ecologiche ShiroCrushRemake e Refit, prodotte con processi di upcycling.

Queste carte sostenibili di Favini, nate grazie alle simbiosi industriali con settori differenti da quello cartario, sono prodotte a partire da materie prime alternative, quali alghe, sottoprodotti agro-industriali, oltre a scarti di lavorazioni del cuoio e tessili, in sostituzione della cellulosa vergine.

Per le confezioni delle creme di Alberto Marchetti, l’azienda ha voluto scegliere una carta in linea con la sua filosofia: prodotti di alta qualità, made in Italy e attenti all’ambiente e alla sostenibilità. La carta scelta è stata Crush Mais di Favini.

I packaging realizzati con la carta Crush di Favini, nata secondo i principi dell’economia circolare dal riuso creativo di scarti agroindustriali.

Crush è la carta ecologica di Favini nata dal riuso creativo di sottoprodotti di lavorazioni agroindustriali, in sostituzione del 15% di cellulosa vergine. Crush è certificata FSC, realizzata con EKOenergia, senza OGM e contiene 40% di riciclato post consumo.

All’interno di una filiera virtuosa che si sviluppa secondo i principi dell’economia circolare, dai prodotti naturali destinati al settore agro-industriale, dopo successive lavorazioni, i sottoprodotti vengono recuperati da Favini e utilizzati per produrre la carta eco-sostenibile di alta qualità Crush. I residui di agrumi, uva, ciliegie, lavanda, mais, olive, caffè, kiwi, nocciole e mandorle sono le materie prime naturali che vengono micronizzate e utilizzate per la produzione della carta Crush di Favini.

Crush Mais, il supporto con il quale sono realizzati i pack di Cremà e Zabà, è prodotta a partire dall’upcycling dei sottoprodotti di lavorazione del mais.

Scopri di più sul ciclo di vita del mais e come dai suoi sottoprodotti viene prodotto la carta Crush Mais nell’articolo: Crush Story: dalle coltivazioni mais alla carta Crush.

Nella rubrica Crush Story, con gli articoli raccolti nella sezione Economia Circolare del nostro blog, abbiamo raccontato il ciclo di vita del mais e come, dai campi coltivati di granturco, si arriva alla produzione della carta ecologica di Favini Crush Mais. Per approfondimenti clicca e leggi l’articolo Crush Story: dalle coltivazioni mais alla carta Crush.

Crush, la carta Favini che ispira packaging deliziosi e sostenibili

Grazie alle sue caratteristiche ecologiche e le affinità con il settore del food, Crush è stata scelta anche da altre aziende agroalimentari per il packaging dei loro prodotti, come Domori.

In linea con l’economia circolare, Favini e Domori hanno collaborato allo sviluppo di una nuova carta ecologica prodotta con gli scarti di lavorazione del cacao dell’azienda di cioccolato. Le sottili bucce delle fave di cacao, grazie alla simbiosi industriale tra Favini e Domori, diventano materia prima sostenibile per la produzione della carta ecologica Crush Cacao utilizzata per le confezioni pasquali dei prodotti Domori.

Scopri di più su Crush Cacao, la carta ecologica nata dal riuso creativo dei residui di lavorazione del cioccolato Domori, leggi l’articolo Dalle fave di cacao, una nuova carta ecologica per Domori.

Un altro esempio goloso arriva dalla Sicilia: Ciomod, con una particolare attenzione al rispetto ambientale ha scelto Crush per la realizzazione dei packaging delle sue tavolette di cioccolato. Ciomod ha utilizzato Crush, nei colori Lavanda e Oliva, oltre alla carta ecologica Shiro Alga Carta prodotta con le alghe provenienti da ambienti lagunari a rischio.

Il sapore del cioccolato di Modica di Ciomod racchiuso nei pack ecologici con carte ecosostenibili di Favini Crush e Shiro Alga Carta.

Anche la tua azienda ha utilizzato Crush per il packaging dei suoi prodotti? Raccontaci la tua storia e il tuo progetto di design sostenibile a social@favini.com.

Continua a seguire i nostri canali social per scoprire altri case history e ispirazioni dal mondo del design, packaging e comunicazione.

 

FONTI

[1] Albertomarchetti.it, Il mio gelato

[2] Dolcegiornale.it , Alberto Marchetti lancia la sua crema spalmabile

Condividi questa notizia
Articoli più recenti