Blog

News

Twist: una carta da podio

04 Apr
2016

Pubblicato in Specialità Grafiche

In occasione della prima edizione dei Giochi Europei tenutasi a Giugno 2015 a Baku, Azerbaigian, sono state consegnate ad autorità e a personaggi di rilievo del mondo sportivo delle medaglie commemorative accompagnate da un elegante cofanetto di design rivestito in carta Twist di Favini.

Quale è stato il processo produttivo che ha portato alla realizzazione di questo packaging di lusso? Quali i fattori che hanno influito sulla scelta dei materiali e del design?

Scopriamolo assieme in questo articolo in cui ripercorreremo le varie fasi di elaborazione e produzione del prodotto.

Il cofanetto è stato disegnato dalla designer italiana Eleonora Salerno, che ha saputo sfruttare le potenzialità e l’unicità di un supporto cartaceo come Twist, trasformandolo in uno scrigno degno di contenere le preziose medaglie.

Twist è un materiale dalla finitura unica che non solo combina forza e look ricercato ma dona anche eleganza al packaging.

Eleonora Salerno nasce a Roma nel 1981 e, dopo aver conseguito il diploma in grafica, nel 2011 diventa designer free lance. Collabora come grafica con numerosi studi di comunicazione per progetti Amnesty International, Unicef, Greenpeace e con aziende tra cui Crivelli gioielli e la scuola internazionale di lingue Berlitz.

Nel 2015, dopo aver disegnato in compartecipazione con un altro grafico la base progettuale per il logo della prima edizione dei Giochi Europei viene incaricata di ideare e progettare il materiale promozionale per l’evento sportivo.

Portato a termine questo primo incarico ad Eleonora viene commissionata la realizzazione di una medaglia commemorativa dei Giochi Europei da consegnare a personaggi illustri, tra cui  Sheikh Ahmad Al-Fahad Al-Sabah, Presidente dell’Associazione dei Comitati Olimpici Europei di tutto il mondo e la First Lady dell’Azerbaigian, Mehriban Aliyeva.

Baku Europen Games 2015 Twist Favini

Il presidente del COE Patrick Joseph Hickey consegna il cofanetto a Carlo Mornati, ex canottiere italiano, medaglia d’argento nel Quattro senza ai Giochi olimpici di Sydney 2000.

Dopo una fase preliminare di studio, la designer Eleonora Salerno si concentra sulla progettazione di un oggetto di pregio, in grado di legare l’immagine istituzionale del COE (Comitati Olimpici Europei) con quella di una manifestazione sportiva di carattere internazionale destinata a ripetersi nel tempo.

Una volta definiti su carta i volumi e la struttura dell’astuccio si è trasferito il tutto su computer, disegnando struttura e fustella con l’utilizzo di un software di grafica vettoriale a cui segue una fase di prototipazione per verificarne gli ingombri reali e il funzionamento della chiusura.

L’astuccio che ospita la medaglia nel suo disegno definitivo rappresenta un impegno notevole dal punto di vista costruttivo in quanto realizzato con materiali molto differenti tra loro: legno multistrato per la struttura, plexiglas per il display interno e carta per il rivestimento.

Il display in plexiglass si avvale di un meccanismo di chiusura magnetica che elimina l’utilizzo di una cerniera, una scelta volta a mantenere la pulizia della struttura esterna.

Per il rivestimento del cofanetto si è optato per un supporto cartaceo di qualità: Twist di Favini.

Baku European Games 2015 Favini Twist

Secondo la designer, si è trattato di una scelta coraggiosa, in quanto, per realizzazioni di questa tipologia, la scelta più comune ricade su tessuto, pellame sintetico, o naturale.

Per la scelta della carta, l’artista si è affidata all’ampio campionario di carte Favini.

Favini, cartiera italiana estremamente moderna e dinamica, dispone di un vasto campionario di supporti innovativi realizzati nel rispetto dell’ambiente”, spiega Eleonora Salerno.

“La carta scelta è un supporto duttile, che garantisce resistenza alla piega senza incorrere in screpolature, inoltre la trama fibrosa che la caratterizza fornisce un impatto visivo di estrema eleganza. Da non trascurare inoltre la piena compatibilità con tutti i più diffusi sistemi di stampa” continua l’artista.

Un progetto tutto made in Italy.

A seguito della scelta dei materiali l’impegno maggiore è stato quello di coordinare ogni singola fase del processo di produzione, affidata a differenti professionisti dislocati in più località d’Italia, e monitorare le diverse fasi del lavoro.

Baku European Games 2015 Favini Twist

Pulizia e montaggio nella fase finale di allestimento del cofanetto.

Dopo quasi due mesi di lavoro si realizzano 225 astucci totali di cui 166 contenenti medaglie incise con personalizzazione.

Oro, argento e bronzo, come da tradizione, le medaglie sono state consegnate, all’interno del loro cofanetto a vari personaggi illustri, accompagnate dallo stampato with compliment del COE contenuto in busta anch’essa in carta Twist Blu coordinata all’astuccio.

Interno ed esterno del cofanetto sono stati decorati con le serigrafie nei colori della medaglia contenente.

Baku European Games 2015 Favini Twist

La carta scelta per il progetto, nella colorazione blu, è un supporto davvero unico che si presta a nobilitazioni e stampe.

Il cofanetto caratterizzato dalla stampa esterna con punzone a secco e oro serigrafico è una dimostrazione vincente di come Twist reagisca perfettamente alle diverse lavorazioni.

Inoltre, la componente di tessuto che la compone regala al tatto una piacevole sensazione che la contraddistingue da qualsiasi altro supporto.

Un ringraziamento alla designer Eleonora Salerno per aver condiviso l’intero percorso creativo di realizzazione di un packaging di lusso così prezioso. Siamo riconoscenti anche al COE, Comitati Olimpici Europei per averci gentilmente concesso di raccontare la storia dell’autentico cofanetto porta medaglie di Baku 2015 e di esporlo in occasione della scorsa edizione della fiera di riferimento del packaging di lusso, Luxepack Monaco.

Condividi questa notizia
Articoli più recenti