Blog

News

Design e stampa in quarantena

16 Apr
2020

Pubblicato in Specialità Grafiche

Da un percorso iniziato con un laboratorio collaborativo, che ha coinvolto, in occasione della mostra Adriano Olivetti e la bellezza, quindici creativi per produrre artefatti utilizzando le macchine per scrivere Olivetti, BBDB Studio ha dato vita a Concrete Confinement.

Nato in questo periodo di quarantena forzata, dettato dall’urgenza del momento, Concrete Confinement è il quarto workshop della sera ideata da BBDB Studio, studio di design indipendente di base a Bassano del Grappa nel vicentino, fondato nel 2016 da Barbara Busatta e Dario Buzzini.

Il libro Concrete Confinement stampato sulla carta Refit di Favini, prodotta con il 15% di residui di lavorazioni tessili di lana e cotone.

Tra le fonti di ispirazione di BBDB Studio, c’é sempre stata una figura di spicco nel panorama internazionale della poesia concreta: Dom Sylvester Houédard, monaco benedettino e teologo, negli anni ’60, attraverso le sue opere, cominciò a esplorare i confini tra linguaggio, arti visive, filosofia, cibernetica e spiritualità, dando forma a quell’avanguardia che prende il nome di poesia concreta.

Opera di CH RO MO all’interno del libro Concrete Confinement stampato sulla carta ecologica Refit di Favini.

«Concrete Confinement è stata la nostra reazione di pancia di fronte alla situazione attuale. In occasione della Giornata mondiale della poesia, il 21 Marzo, abbiamo organizzato un laboratorio in remoto, connettendoci via hangout con quindici creativi per discutere e riflettere sul tema del confino, dell’isolamento» ha spiegato Dario Buzzini a Simone Sbarbati per l’articolo di approfondimento sul portale Frizzi Frizzi.

L’isolamento e la poesia concreta: quindici creativi a confronto

Il tema dell’isolamento è noto a tutti coloro che stanno rimanendo tra le mura domestiche durante il periodo del COVID-19. Ma cosa si intende per poesia concreta? Possiamo definirla come mezzo di espressione scelto dal gruppo di quindici creativi composto da artisti, designer, curatori e un filosofo.

Il progetto Concrete Confinement ha unito a distanza BBDB Studio, Alessio D’Ellena, Andrea Rossato, Anna Marion, CH RO MO, Ciao Ciao Studio, Cristian Invidia, Edoardo Benaglia, Lucrezia Teghil, Matteo Bettini, Michelangelo Greco, Nicolò Oriani, Ryan Carl Studio e Studio Natale, riuscendo a mettere insieme il materiale per una pubblicazione in pochissimo tempo.

Concrete Confinement: la pubblicazione stampata su Refit

Le opere dei quindici creativi riflettono sul confino attraverso una sperimentazione sul linguaggio, sui suoi significati, sulla sua rappresentazione, sia a livello grafico che sonoro e sintattico.

“MONDO-ISOLA” è una delle opere di Ciao Ciao Studio inclusa nel libro Concrete Confinement che riflette sui temi del confine e dell’isolamento.

Un valore aggiunto alle opere è dato dalla carta su cui verrà stampata la pubblicazione: Refit Cotton, che contiene 15% di residui di lavorazione del cotone in ottica di economia circolare. Le inclusioni di cotone sono visibili sulla superficie e comunicano con il lettore, integrandosi con l’opera.

Refit è l’innovativa carta Favini con il 15% di sottoprodotti di lana e cotone nata dalla simbiosi industriale con il settore tessile sulla quale è stato stampato Concrete Confinement.

Così come il tema dell’isolamento è attuale, anche la questione dell’economia circolare rimane in evidenza. Favini ha un forte know-how nello sviluppo di carte grafiche da riuso creativo di sotto-prodotti, un processo chiamato upcycling che permette di valorizzare scarti di lavorazione di altre filiere, come quella tessile nel caso di Refit, utilizzandoli come materia prima nobile.

Refit è la carta ecologica da riuso creativo di scarti tessili, sulla quale è stampato Concrete Confinement.

«Mercoledí 18 marzo abbiamo attivato la call, il 21 e 22 Marzo abbiamo lavorato insieme, il 24 marzo abbiamo attivato il sito per la raccolta fondi, Già il 26 Marzo Favini ha accettato di supportare il progetto sponsorizzando la carta, stampata e rilegata da Tipografia Sartore. Una bella corsa», spiega Buzzini. In tempi da record ha preso forma un libro con 120 pagine di opere e testi critici sul tema del confino.

Una fase di stampa di Concrete Confinement sulla carta ecologica Refit di Favini.

Il ricavato della vendita andrà al COVID-19 Solidarity Response Fund.

Il libro è in pre-vendita al seguente indirizzo: https://bbdb.it/book

Per maggiori informazioni https://bbdb.it/confinement e scopri cosa dicono del progetto:

Condividi questa notizia
Articoli più recenti