Blog

News

Bloody Mary by Talentino in Aperitivo Burano Favini

Serigrafia, litografia e lamina

12 Ott
2017

Pubblicato in Specialità Grafiche

Continuano le nostre puntate alla scoperta delle illustrazioni sulle carte colorate di Burano.

Dopo il viaggio a colori tra gli aperitivi delle città in giro per il mondo è arrivato il momento di giocare a scoprire i grandi personaggi rappresentati con le tecniche della serigrafia e litografia sui colori di Burano.

Un brindisi con Hemingway, Picasso, Eraclito e Carnera: l’Aperitivo incontra le Arti aprendo le porte alla creatività e al pensiero.

Dai filosofi dell’antica Grecia, passando per gli artisti del ‘900 fino ai miti sportivi, il rituale dell’aperitivo continua ad accompagnarci nei momenti delle nostre giornate.
Riuscite a indovinare quali di questi personaggi sono rappresentati nelle pagine del visual book?

Anna Resmini in Aperitivo Burano Favini

L’autrice di quest’opera, Anna Resmini ci dà questi suggerimenti per individuare i famosi personaggi e gli altrettanti famosi drink a loro associati:

“Scrivere la storia di un vecchio pescatore solitario, sorseggiando un mojito alla Boteguita del Medio.
Dipingere la solitudine della vita popolare parigina di inizio ‘900 racchiusa in un bicchiere d’assenzio.
Porsi domande esistenziali sull’inesorabile mutamento di tutte le cose guardando un bicchiere di vino.
Vincere sul ring tutti i match oltreoceano e diventare popolare a tal punto da essere ordinato in tutti i più rinomati bar italiani degli anni ’30.”

L’opera si sviluppa in due pagine del visual che sono state stampate con due differenti tecniche: la pagina a sinistra in litografia (nero, Pantone 374 e 876, più bianco) su Burano Verde prato, mentre la pagina di destra in serigrafia a tre colori su Burano Deserto (inchiostro opaco con bianco, verde in tinta abbinata alla pagina a fianco e nero).
Il verde brillante e il color deserto della carta colorata Burano diventano parte integrante del disegno.

“Se penso a una donna che sorseggia un drink ho in mente un’immagine che li contiene entrambi: Bloody Mary.” E. Talentino

L’artista Elisa Talentino, che ha lavorato per anche per The New York Times, Goethe Institut, D-Repubblica, racconta come è nata l’ispirazione per quest’opera:

“Pare che il noto cocktail prenda il nome dalla sinistra sovrana inglese Mary Tudor; il bicchiere con in cocktail è all’altezza del petto, davanti al cuore, a sottolineare le ragioni che le hanno dato il noto appellativo di “Bloody Mary”.

"Bloody Mary" di Elisa Talentino stampata in serigrafia

“Bloody Mary” di Elisa Talentino stampata in serigrafia

Per riprodurre l’opera con l’eleganza e il fascino di questa regina è stata scelta la stampa serigrafica.
Sono stati eseguiti 4 passaggi di colore: bianco, azzurro ceruleo, un tocco metallizzato e l’immancabile rosso. Il tutto su Burano Deserto, la nuova tonalità che richiama le sfumature della terra e della sabbia.

Stampare le opere della Resmini e della Talentino, hanno messo a dura prova lo stampatore. Essendo uno stesso quartino alla giapponese (piegato poi su sé stesso) il totale dei passaggi in stampa sale a sei: il calore del forno per i passaggi in serigrafia UV e le temperature estreme delle giornate più torride e afose dell’estate 2017, hanno complicato la messa a registro della carta a causa del rischio della stabilità della carta.

Burano Nero, priva di carbon black, permette risultati impeccabili con la lamina a caldo. Da provare!

Alla designer Sonia Mion è stato chiesto di ispirarsi agli strumenti del bartender per realizzare un’opera con la lamina a caldo. E come non pensare subito allo shaker, lo strumento indispensabile di ogni barman?

Sonia Mion ci racconta a cosa si è ispirata per la sua opera “Shaker”:

“Vagando per le vie di internet ho letto che Al Franklin D. Roosevelt Presidential Library and Museum di Londra è conservato lo shaker in argento che Roosevelt allora presidente degli Stati Uniti d’America usò per prepararsi il primo Martini dopo la fine del proibizionismo.”

Shaker by Sonia Mion in Aperitivo Favini
“Passaggio obbligato con la mente, ai locali clandestini nei retrobottega dei bar di periferia, scintillanti e opposti alla loro porta d’accesso, nascosta magari in uno scantinato.
Come tutto non fosse così come appariva, un bar innocuo nascondeva un locale festoso, pieno di luci, fumo e alcool, paiettes e ballerine, con un barista che durante una retata diceva che non era così come sembrava…. ceci n’est pas une shaker.”

Il caratteristico colore argentato dello shaker è stato replicato su Burano Nero con la lamina a caldo color argento.
Burano Nero, la carta nera per eccellenza, è perfetta per qualsiasi utilizzo: essendo priva di carbon black, la lamina rimane inalterata nel tempo in quanto utilizzando la gamma Burano di Favini non si innescano processi di ossidazione.

Grafiche di cocktail e stuzzichini sulla lavagna di Barbara Calzolari

L’aperitivo è un momento di condivisione, convivialità e di ricerca del cocktail giusto da assaporare. Tutto parte dal menù, o dalla lavagnetta in questo caso.

Barbara Calzolari, calligrafa di fama internazionale, ci racconta da cosa si è lasciata ispirare e come ha ideato quest’opera.

“Ogni volta che giro cerco sempre un ristorante o un club bar dove andare per capire il cuore della città dove mi trovo… L’ispirazione si sente e molto e anche nelle liste dei loro cocktail si comprende molto bene che anche per la scelta dei nomi sono state fatte ricerche, emozioni e desiderio di emozionare, sempre.”

Barbara Calzolari in Aperitivo Burano Favini

Barbara continua: “Quindi ho fatto una ricerca di nomi di cocktail e di grafiche di etichette di bottiglie di alcolici speciali, poi ho iniziato a isolare degli spazi, delle zone e ho dato una priorità immaginaria a un nome o un altro a seconda di come mi colpivano le grafiche che stavo realizzando.
Ho fatto molte carte matte, tagliato, schizzato incollato e ridisegnato molte volte le grafiche. Poi ho creato come una quinta teatrale per rappresentare, per celebrare come su un palcoscenico i nomi.”

La lavagna con i nomi di cocktail realizzati con pennarelli, gesso, matite e penne, è stata riprodotta tramite la stampa serigrafica con unico passaggio di bianco su Burano Nero. Che effetto realistico!

Ti è piaciuto questo post? Potresti essere interessato anche a:

  • Scopri tutti i 35 colori della gamma di carte colorate di Favini: vai alla pagina ufficiale di Burano
  • Cerchi ulteriori ispirazioni per utilizzare Burano? Vai alla board di Pinterest: prodotti editoriali, packaging e tanto altro.
  • Stampare su carta colorata: la prima di quattro puntate dedicate al nuovo visual book Aperitivo firmato da 14 illustratori: APERITIVO a colori
  • Il fenomeno dell’aperitivo: alternanza di epoche, tecniche di stampa e carte colorate. Le illustrazioni inedite su Burano: Tra storia e stampa
  • Dai tradizionali bacari di Venezia, ai cafè europei alle metropoli. Illustrazioni sul tema Aperitivo stampate su Burano: Un viaggio a colori 

Continua a seguire il blog Favini e i nostri canali social con l’hashtag #AperitivoFavini

Condividi questa notizia
Articoli più recenti