Blog

News

Sara Quida su Favini

Carte Favini e arte: un binomio da scoprire!

11 Gen
2018

Pubblicato in Arte

La carta è da sempre uno dei principali veicoli per dare libero sfogo alla creatività e al nostro bisogno di comunicare.

Gli artisti utilizzano la carta non solo come supporto e parte integrante dell’opera, ma anche come materia prima da lavorare e modellare per dare forma al proprio elaborato artistico.

In questo articolo vi parliamo degli artisti che usano carte Favini: da Giorgio Vicentini e Fabio Refosco che utilizzano la carta cast coated Bindakote, Francesco Ciavaglioli che si esprime con inchiostro e carta Favini Art, agli oli su carta offerta in formato A4 da Cartotecnica Favini Special Events di Sara Quida, per finire con le coloratissime geometrie di Paolo Limoli in varie carte Favini.

Oli e inchiostri per le colorate opere su carte Favini Art e Special Events

Art Sweet Art è una piattaforma dedicata a residenze d’artista in abitazioni private, aperte e accessibili ai visitatori. La sesta residenza ha visto protagoniste le carte Favini Art utilizzate dall’artista Francesco Ciavaglioli per realizzare l’opera Vulgata.

Quest’opera rappresenta una rielaborazione degli elementi del processo di stampa tradizionale come Matrice, Copia e Tiratura attraverso un processo di riproduzione “liquido” che prevede l’uso di inchiostri direttamente applicati su Favini Art, la nuova gamma di carte da disegno e artistiche di Favini.

Ecco il video con il processo creativo e di realizzazione dell’opera:

La pittrice informale Sara Quida realizza le sue opere astratte e coloratissime sulla carta Special Events Top Collection, offerta in rismette formato A4 da Cartotecnica Favini, con la tecnica dell’olio su carta.

Ecco alcune delle sue opere:

"Armonia" e "Era lontano e faceva freddo" di Sara Quida su Favini Special Events Top Collection

“Armonia” e “Era lontano e faceva freddo” di Sara Quida su Favini Special Events Top Collection

Un tripudio di colori sulla carta metallizzata di Favini, che aggiunga un’inaspettata brillantezza alle opere artistiche della pittrice sarda.

Giorgio Vicentini e Fabio Refosco su Bindakote

Molte delle opere di Giorgio Vicentini, visual artist che sceglie un linguaggio autonomo basato sul colore, sono realizzate su carta Favini Bindakote.
In queste immagini ne vediamo alcune dell’istallazione “Inchiostri Nomadi” nello Spazio Sara Frattini Varese (2016).

“Inchiostri Nomadi”, Smalti su carte Bindakote Favini

“Inchiostri Nomadi”, smalti su carte Bindakote Favini

Come Vicentini, anche un altro artista ha trovato in Bindakote il supporto ideale per le sue opere, arricchendo i campi di applicazione di questa carta.

Bindakote è la storica gamma di carte e cartoncini mono e bipatinate cast coated di pregio di Favini. Superfici lucide a specchio, eccellenti caratteristiche di rigidità e volume, qualità specifiche per etichettatura, resa cromatica superiore e ottime proprietà di asciugatura. Bindakote è la scelta ideale per realizzare idee creative di stampa e packaging di lusso.

Fabio Refosco, artista vicentino, per realizzare le sue opere utilizza ingredienti originali come bolle di sapone e corde cariche di inchiostro proprio su Bindakote.

Fabio Refosco mentre realizza una delle sue opere con le bolle su Bindakote Favini

Fabio Refosco mentre realizza una delle sue opere con le bolle su Bindakote Favini

In questa news “Bindakote: oltre al pack & label”  dedicata a Refosco, l’artista ci racconta il suo incontro con la carta Favini:

“Ho provato a utilizzare la carta Bindakote quando sperimentavo con le bolle di sapone e ho scoperto di aver trovato la superficie ideale: accoglie l’inchiostro e si asciuga bene, ma soprattutto ha un aspetto lucido e quasi marmoreo.”

"Foglie" di Fabio Refosco su Bindakote

“Foglie” di Fabio Refosco su Bindakote

Le composizioni geometriche di Paolo Limoli

Abbiamo parlato spesso di Paolo Limoli, artista che crea le sue opere esclusivamente con carte Favini: colori e texture diverse vengono tagliate, accostante e sovrapposte con estrema precisione per creare composizioni in 3D.

Tra le sue ultime realizzazioni troviamo tre torri e “Cadogan Hall” con le quali è anche iscritto al concorso internazionale Arte Laguna di Venezia.

Una delle tre torri realizzate da Paolo Limoli con Crush e Burano

Una delle tre torri realizzate da Paolo Limoli con Crush e Burano

Le tre “Big Big Towers” formano un trittico e sono un omaggio all’architettura classica (Palladiana) e veneziana.

Sono alte ben 98 cm, realizzate con carta ecologica di Favini Crush Mais 250 g/m² con basi quadrata, ottagonale e dodecagonale.

La torre dodecagonale è luminosa ed ha le pareti interne “rivestite” con carta Burano di 12 colori diversi, che ricorda vagamente il famoso Palazzo Conarini del Bovolo, un bellissimo edificio del ‘500 la cui peculiarità è la scala a chiocciola con le finestre ad arco.

Le tre torri sono accomunate da alcune caratteristiche: la forma delle finestre, la “stratificazione” di cui sono composte (5 o 7 livelli) e le prospettive “impossibili” all’interno di ciascuna finestra.

L’opera Cadogan Hall di Paolo Limoli

L’opera Cadogan Hall di Paolo Limoli

“Cadogan Hall” è l’opera ispirata al teatro londinese Cadogan Hall, per realizzarla sono state impiegate 11 diverse carte Favini, composta da una base su cui sono incollati 555 tasselli di 32 colori (realizzati con carte Burano), con forme e misure diverse.

Al centro di ogni tassello è incollata una colonnina trasparente in plexiglas di altezze diverse sulla quale è incollata una tessera della stessa forma e misura di quella sottostante, ma realizzata solo con carte nere e bianche di 11 gamme di Favini: Bindakote, Lunar, Remake, Majestic, Burano, Prisma, Biancoflash, The Tube, Twill e Twist.

Per maggiori informazioni e curiosità su Limoli e le sue opere ecco gli articoli del nostro blog che ne parlano:

Con questa rassegna abbiamo voluto rendere omaggio agli artisti che grazie alla loro creatività, hanno saputo utilizzare in modo alternativo le carte Favini, sviluppate e prodotto prevalentemente per il mondo della stampa e del design.

La nuova linea Favini Art offre una soluzione per varie tecniche artistiche, ma lasciamo all’estro creativo degli artisti la possibilità di sperimentare ciascuna delle altre gamme che compongono il portfolio di specialità grafiche Favini.

Condividi questa notizia
Articoli più recenti